Ricorda di dire NO

 

MUSEO MACRO (ROMA)

PROJECT ROOM 15 > 25 gennaio 2019

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come per i murales relazionali “Vuoti di memoria” ad alta contaminazione sociale di Rignano Flaminio (2015), Fiano Romano e della stazione metropolitana di Porta Furba (2018) dove oltre 400mq di superficie sono stati riempiti con le memorie degli abitanti del quartiere o per l’installazione interattiva video-sonora alla Wurth di Capena (2016), anche per questa opera-azione Ugo Spagnuolo ha previsto la partecipazione attiva del pubblico.
Ricorda di dire No è una nuova declinazione della serie Vuoti di memoria, progettata appositamente per il Macro Asilo. Ogni visitatore ha potuto ricordarsi e\o ribadire la propria resistenza a qualcosa, formulando domande a cui voleva opporsi: in un ambiente equipaggiato della strumentazione tecnico-rituale necessaria di conservazione e imbottigliamento.
Nella Project Room del Macro sono state scenograficamente disposte nove colonne di cassette portabottiglie impilate, su di esse altrettanti turabottiglie azionabili dai visitatori.
La colonna centrale del “turatore oppositivo” è quella da cui declamare la domanda retorica che viene memorizzata, gli altri otto turabottiglie se attivati dal pubblico rispondono NO grazie al dispositivo audio e ad un sistema elettronico di controllo. Sia il singolo visitatore che i gruppi anche spontanei interagiscono, declamando o semplicemente rispondendo alle domande riprodotte in loop.
In questo modo l’interratore si concentra nell’azione ludico-religiosa “giocando” con estrema serietà. Nell’ambiente allestito come una sorta di cattedrale laica, l’azione partecipata diviene una catartica “preghiera” corale espressione del concetto di lotta e resistenza, consapevolezza e riappropriazione di memoria quale ingranaggio collettivo.
Molteplici gli interventi performativi del pubblico e degli special guest che si sono succeduti per tutta la permanenza dell’opera come gli studenti dell’Accademia di Belle Arti del Corso di Scultura della Prof.ssa Oriana Impei, del Liceo Artistico G. C. Argan di Roma e A. Frammartino di Monterotondo, il gruppo multietnico dell’Associazione Cittadini del Mondo, l’intervento musicale del Quadracoro diretto dal Maestro Giannelli.

https://www.museomacro.it/progetto/ugo-spagnuolo-ricorda-di-dire-no
https://www.museomacro.it/media/le-project-room-macro-asilo-ottobre-2018-gennaio-2019
http://www.ugospagnuolo.com/

Scarica qui il modulo e partecipa